Arrivederci Pantelleria, il Bus ritorna sulla terraferma. Diario di viaggio da Marsala

Mi sveglio molto presto, dormire all’interno del Bus dona al viaggio il giusto spirito avventuriero, ma la mia schiena oggi grida pietà. Per di più credo di avere l’aspetto e i profumi di un camionista tedesco sul primo traghetto della mattina a Villa San Giovanni. Un misto di cherosene e umanità in senso lato.
E’ ancora molto presto e, sospinto dai colori tenui dell’alba, mi avventuro alla ricerca di suggestive immagini di questa terra meravigliosa.

Raggiungo la cantina Vinisola dove incontro e conosco Antonio. Si presenta come il cantiniere ma scopro pian piano che la sua esperienza è sfociata spesso in altre collaborazioni illustri qui a Pantelleria. Mi piace ascoltarlo perché con modestia e tanta umiltà, merce rara su quest’isola tra i produttori di vino, mi racconta dei mille aspetti di questo nettare. Di come la biodiversità dei terreni di Pantelleria sia così caratterizzante per il risultato finale di un buon vino. Uve più ricche di zuccheri sono quelle esposte a sud, al contrario di quelle coltivate a nord, più acidule. E poi la longevità delle piante, se allevate vicino al mare o nell’entroterra. Tutti questi fattori potrebbero risultare secondari al palato di un consumatore qualsiasi, ma per i “winelover” così definiti dai social e più in generale da chi ama bere bene, diventano la chiave di successo per degustare il vino migliore. Cartina di Pantelleria alla mano, Antonio mi mostra tutte le zone dell’isola a più alta vocazione. Mi ha incuriosito così tanto che, anche se tra breve dovrò guidare il Bus fino al porto, chiedo di poter “annusare” un sorso di A’mmare, vino secco da uve zibibbo coltivate in prossimità del mare. Fatto raro quanto singolare, il vino ha tutti gli aromi tipici del moscato. Non resisto, assaggio: un palato lungo che ti stupisce con una grande sapidità minerale e insolita. Lo voglio. Al mio rientro in enoteca farò il mio ordine. Saluto Antonio e mi fiondo sopra il traghetto, non prima di avere consumato un generoso “Pani cunzato”.

Sbarco dal traghetto nel tardo pomeriggio e mi dirigo a Petrosino piccola frazione del territorio di Marsala. Ho appuntamento con Pierpaolo Badalucco che mi sta aspettando in cantina insieme a Beatrice. Sono contento di rivederli. Conosco Pierpa e Bea da un pò di anni. Ricordo bene quando nel 2007 mi portarono la loro prima bottiglia e mi raccontarono del loro progetto. Alle spalle c’era una tradizione, quella del nonno di Pierpaolo che come quasi tutti i marsalesi di un tempo aveva vigna e cantina. Ma loro ci hanno messo poi tanto coraggio e un pizzico di incoscienza nel cimentarsi in qualcosa che in quel momento non li apparteneva.
Il vino di quell’incontro lo ricordo bene: Dos Tierras 2007 aveva la sregolatezza dei tannini del nero d’Avola che veniva in qualche modo ammorbidita dalla dolcezza del Tempranillo. Quello che un po’ rappresentavano in quel momento Pierpa e Bea. Nel frattempo in cantina ne son successe di cose: altri due vini, ma soprattutto un bianco di territorio da uve Grillo come quello che si faceva una volta in cui la mano dell’uomo, di Pierpaolo in questo caso, serve solo ad accompagnare l’uva a diventare vino. Questo te lo puoi permettere quando di base c’è una buona materia prima, una buona uva e contrada – Triglia – che a detta di Pierpa è la migliore di tutta la provincia. A distanza di quasi dieci anni riassaggio Dos Tierras: la sregolatezza ha ceduto il passo alla coscienza e la delicatezza ha preso il sopravvento. Beviamo e ridiamo per tutto il corso della cena e a fare da contorno alle nostre chiacchere le risa di Beatrix jr di sette anni, Carmen di cinque e Maria di quattro. Adesso mi è tutto chiaro.

 



Con il patrocinio di

https://www.inviaggiotraifilari.it/wp-content/uploads/2018/08/federazione.png

Main Sponsor


Media Partner

https://www.inviaggiotraifilari.it/wp-content/uploads/2018/08/atelier.png
https://www.inviaggiotraifilari.it/wp-content/uploads/2018/08/zeta-printing.jpg
https://www.inviaggiotraifilari.it/wp-content/uploads/2018/09/logo-winery.png

Con la partecipazione di

https://www.inviaggiotraifilari.it/wp-content/uploads/2018/09/logo-winery.jpg
https://www.inviaggiotraifilari.it/wp-content/uploads/2018/09/logo-muv.jpg

Cantine